Passa ai contenuti principali

Trionfo Ferrari a Budapest, grandissima gara delle rosse in Ungheria.




Si arriva al GP d'Ungheria l'ultimo prima della pausa estiva, tappa importantissima per le sorti del mondiale perché da questo gp si capisce se la Ferrari è da mondiale o la Mercedes sarà ancora la favorita. Le due rosse partono in pole con Vettel davanti a Raikkonen. Alla partenza lo scatto delle Ferrari è perfetto con Raikkonen che con grande abilità va a proteggere la posizione al tedesco.
Alla seconda curva Verstappen sbaglia la frenata e colpisce la vettura del compagno Ricciardo, l'australiano è costretto al ritiro mentre il pilota olandese sarà penalizzato di 10 secondi.


Ricciardo non si ritirava per incidente da 75 gare, dal GP di Singapore 2013 cioè non si era mai ritirato per incidente con la Red-Bull.
Le Ferrari intanto guadagnano molto terreno e il vantaggio aumenta quando Bottas, primo inseguitore rientra ai box, infatti i meccanici Mercedes hanno un esitazione che costa dei decimi al pilota finlandese. Ed proprio una sosta ai box a rovinare la gara di Grosjean, infatti la posteriore sinistra non è avviattata al meglio e il pilota Haas è costretto al ritiro.
La gara non da particolari emozioni allora ci pensano Alonso e Sainz i due spagnoli sono impegnati in diversi duelli dove alla fine l'ex Ferrarista ne esce vincitore il giorno dopo aver compiuto 36 anni. Nel finale Bottas cede la posizione ad Hamilton, la Mercedes comunica al pilota inglese che ha cinque giri di tempo per passare Raikonnen, Hamilton prova a mettere pressione alle Ferrari che però mantengono il vantaggio anche a causa di qualche errore proprio di Lewis. Sul rettilineo finale Vettel è primo, Raikkonen è secondo è doppietta Ferrari a Budapest, la numero 83 della storia della scuderia di Maranello, la seconda della stagione.



Proprio sul rettilineo finale Hamilton lascia passare Bottas suscitando la rabbia di Toto Wolff visto che in classifica piloti Hamilton ora ha un ritardo di 14 punti che col terzo posto sarebbero stati 11. Sul podio tornano Vettel e Raikkonen insieme ad un simpaticcissimo Alonso che si sdraia accanto ad uno suo ritratto.



Pagelle:

Vettel: 8
Raikkonen: 8.5
Bottas: 7-
Hamilton: 6-
Verstappen: 6
Alonso: 7.5
Sainz: 6.5
Perez: 5.5
Ocon: 5.5
Vandoorne: 5.5
Kvyat: 5.5
Palmer: 5
Magnussen: 5
Wehrlein: 5.5
Ericsson:5



Classifica piloti:

Vettel 202
Hamilton 188
Bottas 169
Ricciardo 117
Raikkonen 116
Verstappen 67
Perez 56
Ocon 45
Sainz 35
Hulkemberg 26
Massa 23
Stroll 18
Grosjean 18
Magnussen 11
Alonso 10
Wehrlein 5
Kvyat 4
Vandoorne 1
Palmer 0
Ericsson 0
Giovinazzi 0
Button 0
Di Resta 0


Classifica costruttori:

Mercedes 357
Ferrari 318
Red-Bull 184
Force India101
Williams 41
Toro Rosso 39
Haas 29
Renault 26
McLaren 11
Sauber 5



Segui le pagine social del Blog del Tifoso e attiva le notifiche relative ai post in modo da rimanere sempre aggiornati col Blog del Tifoso e col mondo dello sport. Ci vediamo prossimamente con un nuovo articolo.

Pagina Facebook
Pagina Google+
Pagina Instagram

Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Rassegna stampa (23 Luglio 2017)

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Buona domenica a tutti oggi è giorno di rassegna stampa. Prima di iniziare a vedere le pagine dei principali quotidiani italiani e non solo, vi ricordo di seguire le pagine Instagram, Facebook e Google+ del Blog del Tifoso e di attivare le notifiche relative ai post in modo da rimanere sempre aggiornati col Blog e col mondo dello sport. Iniziamo.

Tuttosport:

Juve You Can, gioco di parole che fa intendere che la trattiva per Emre Can è fattibile, c'è già l'accordo col giocatore che è in scadenza. Manca però l'accordo col Liverpool che vuole prima trovare un centrocampista che possa sostituirlo.

Il Corriere dello Sport:


Il Diavolo c'è e si vede, grandissima la vittoria in I.C.C. del Milan per 4-0 sul Bayern Munchen e il Corriere gli dedica giustamente la prima pagina. Spazio anche per il mercato e per i ritiri estivi, la Juve vuole Can ma Klopp si oppone, all'Inter piace Karamoh, Conte vuole Candreva, Immobile e Keita…

Rassegna Stampa (16 Luglio 2017)

Buona domenica a tutti, oggi è giorno di rassegna stampa. Ogni domenica andremo a vedere le prime pagine dei principali quotidiani italiani e non solo, fatemi sapere se questa serie vi piace attraverso un commento, e ricordatevi di seguire le pagine Facebook, Instagram e Google+ dedicate al Blog. Vi anticipo che domani e ogni lunedì aprirò un sondaggio. Iniziamo.
Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+
La Gazzetta dello Sport:

La Gazzetta dedica la prima pagina alle milanesi e al mercato diverso che stanno facendo, infatti abbiamo visto un Milan pigliatutto mentre l'Inter non ha ancora fatto gran che, complice anche il Fair play finanziario da ripagare. Nonostante questo Spalletti rassicura i tifosi dicendo che a fine campionato l'Inter sarà tra le prime quattro pur sottolineando che c'è bisogno di qualche rinforzo.
Tuttosport:

Il quotidiano torinese intitola così la prima pagina, dicendo in maniera quasi frustrata a Montella di fare ora la sua parte. Il tecnico rosso…